About

A ridosso del fiume Piave ed accarezzata dal Fosso Negrisia, l’azienda agricola Bellese Giacomo & Enzo raccoglie la tradizione contadina, e in un connubio d’esperienza e di moderne tecnologie, propone ai clienti vini figli della pianura plavense.

Near the Piave and caressed by  Fosso Negrisia, winery Bellese Giacomo & Enzo picks up the old farmer’s tradition, and thanks  a combination of experience and technology, provides to his  customers wines that are children of their land.

Fin dai primi anni ’60 nonno Ireno affiancò alla coltivazione di bachi da seta, all’epoca coltura con un certo peso sensibile nell’economia agricola, la viticultura. Ma presto i bachi cesseranno di filare, sul loro silenzioso e prezioso lavorio si imporrà il rumore delle prime timide fabbriche.

Since the early 60’s grandfather Ireno alongside the cultivation of silkworms, at that point a kind of revenue with a certain weight sensitive in the agricultural economy, the winery. But soon the bugs will cease to spin on their silent and precious workings will impose the sound of the first timid factories.

Nonno Ireno si separa dalla famiglia d’origine e costruisce la casa e la cantina nell’attuale posizione. Con caparbietà e con l’aiuto del figlio Giacomo comincia la vendita al minuto della produzione vinicola.

Grandfather Ireno separates from the family of origin and builds the house and the cellar in the current position. With determination and with the help of his son Giacomo begins retail sale of their  wine production.

Con l’entrata in azienda del figlio Enzo e l’inizio del nuovo millennio è partita la fase, non ancora terminata, di rinnovamento dei vigneti. Sono stati inoltre apportati notevoli cambiamenti anche in cantina, sia a livello di spazio con l’ampliamento della zona di lavorazione, sia nei processi di gestione.

With the entry  of his son Enzo and the beginning of the new millennium , the farm started the stage, not yet finished, of vineyards’ renewal. Significant changes have also been made in the winery, both in terms of space with the expansion of the processing area, both in management processes.

Seppure la nostra azienda non presenti una superficie vitata molto ampia, raccoglie al proprio interno una piccola varietà di terreni. Proprio in base alle caratteristiche del terreno sono state scelte le tipologie dei vitigni, diversificando la produzione che passa da alcuni vitigni internazionali come il Merlot, il Cabernet Sauvignon, e lo Chardonnay per arrivare al Raboso Piave, vino asprigno e robusto che raccoglie in sé le caratteristiche delle “grave”: letti ghiaiosi costituiti da ciottoli di diversa misura regalo delle numerose alluvioni del fiume Piave, ai quali vengono strappati gli inconfondibili profumi e sapori che contraddistinguono la produzione del territorio.

While our company doesn’t present a very large vineyard area, collects within itself a small variety of terrains. Just based on the soil’s characteristics we’ve  selected types of grape varieties, diversifying the production passing by some international varieties like Merlot, Cabernet Sauvignon and Chardonnay to get to Raboso, tangy and robust wine that brings together the characteristics of “grave”: gravel beds consist of pebbles of different sizes, a  gift of the numerous floods of the river Piave. From it we reach the soul of our land in a unmistakable scents and flavors that distinguish the production of the territory.

Da poco l’azienda ha allargato la sua zona di coltivazione, affittando alcuni ettari nella zona di Salgareda, molto vocata per la coltivazione dei vitigni a bacca rossa, mentre tra quelli a bacca bianca , nel suolo ampiamente argilloso in un miscuglio di terra e roccia dolomitica, la fanno da padrone il Prosecco ed il meno diffuso, ma sicuramente interessante Manzoni Bianco. Vini profondamente diversi tra di loro, ma tutti espressione di territorialità. Che nella famiglia Bellese viene presa profondamente sul serio.

Recently the company has expanded its area of ​​cultivation, renting a few acres around Salgareda, very suited for the cultivation of red grapes, while among the white grapes, soil widely clay in a mixture of earth and rock dolomite, are the masters of Prosecco and the less common, but surely interesting Manzoni Bianco. Wines profoundly different between them, but all expression of territoriality. A thing  we taken deeply seriously.

Per noi la coltivazione dell’uva non è  solo lavoro ma è manifestazione dell’amore che abbiamo per i nostri luoghi natii, paesaggi nascosti nelle grave del Piave, lontani dalla vita di città che con i suoi ritmi cancella la pace e la serenità. Ritmi qui facilmente ritrovabili nelle stradine sterrate che affiancano le distese di viti in un’alternanza tra moderne Guyot e monumentali Belussere, incorniciate da siepi alberate, da boschetti di olmo campestre, da platani e sambuchi spontanei.

For us, the grape cultivation is not only working but is a manifestation of the love we have for our native places, landscapes hidden in the grave of the Piave, away from city life that with its rhythms clears the peace and serenity. Rhythms  you can found easily on  dirt roads that flank the expanses of vines alternating between modern and monumental Belussere Guyot, framed by hedges trees, groves of elm, plane and elders spontaneous

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...